IL MIO SIGNIFICATO DEL NATALE. E IL VOSTRO QUAL É?

12:24 Silvia Sgambellone 0 Comments



                (Articolo pubblicato su Gushmag il 28 Dicembre 2015)

                       tavola_natale500

Siamo nel pieno dell’atmosfera natalizia, dei cenoni coi parenti e delle tombolate con gli amici per questo non voglio dilungarmi troppo (sono impegnata a mangiare pandori e a discutere su come faccia Babbo Natale a passare dal camino con il mio cuginetto di 9 anni). Quindi voglio semplicemente dirvi cos’è per me il Natale e come lo vivo.
Lo so che ognuno vive questo periodo a suo modo, c’è chi dice di odiarlo perché legato a ricordi dolorosi o chi lo vive con malinconia perché ha perso delle persone care con cui era solito trascorrere le festività, c’è chi lo trascorre in solitudine o chi come me ha la fortuna di viverlo con accanto tutte le persone che ama. Si è proprio così mi reputo una persona fortunata e non smetterò mai di dirlo. Se solo una persona che amo fosse assente al cenone di Natale e ancor più a quello di Capodanno sarebbe per me una riunione incompleta, mi sentirei incompleta. Esagero?Forse, ma ho l’abitudine di circondarmi di persone vere e sincere che mi sorridono perché vogliono sorridermi, che mi abbracciano allo scoccare della mezzanotte del nuovo anno facendomi gli auguri perché vogliono veramente che sia un anno felice per me e io voglio lo stesso per loro.
Spesso incontro gente che mi dice “Che noia queste feste, ormai il Natale è solo per i bambini”. Se è così io bambina voglio rimanerci, ma non credo sia così. Il Natale è la festa di chi riesce ancora a provare dei sentimenti veri e sinceri, la festa di chi adora fare i regali più che riceverli, di chi è felice nello stare a tavola coi parenti perché sa che nessuno di loro è lì per pura apparenza, è la festa di chi è ancora capace di amare e di farsi amare. 
Io non ricordo mai i regali che mi fanno anno per anno, ma ricordo sempre con chi ho trascorso il Natale e il Capodanno di un determinato anno perché sono le persone che contano.
Quindi l’unico consiglio che posso darvi è di trascorrere queste festività con chi volete realmente trascorrerle. Raggiungete i vostri nonni o i vostri figli se è con loro che volete stare, fate in modo che brindando al nuovo anno saranno gli occhi delle persone che amate quelli che incrocerete per primi e se le persone che amate non ci sono più provate di nuovo ad essere sereni durante questo periodo perché è così che loro vi vorrebbero.
Lo so sembrano tante frasi di circostanza, ma in fondo durante questo periodo dell’anno tutti possono sognare non solo i bambini e poi a quanto pare la magia esiste altrimenti come farebbe Babbo Natale a consegnare i regali a tutti i bambini del mondo in una notte sola?
Io mi auguro che sia un 2016 non meraviglioso, ma normale e sereno per tutti, un anno in cui riusciremo a ricordarci ogni giorno che la cosa più importante è avere sempre la possibilità di amare qualcuno.
Come vi dicevo il Natale per me significa soprattutto tradizione e una delle tradizioni che adoro è fare la “Pignolata” (simil Struffoli) qualche giorno prima di Natale con la mia sorellina e la mia nonna come tutti gli anni. Quindi vi faccio i migliori Auguri di Buon Anno lasciandovi ad un collage della preparazione di questo fantastico dolce natalizio completamente homemade.
                                 

0 commenti: